categoria azienda Autofficina Bassi S.r.l.
logo Autofficina Bassi S.r.l.
Autofficina Bassi S.r.l.
Officina e Gommista
Officina e Gommista

Blog

Pastiglie e dischi freni: quando sostituirli

Le pastiglie dei freni ed i dischi devono periodicamente essere sottoposti ad una sostituzione. Ma quando è necessario tutto questo? Vediamolo nel dettaglio.


Sostituzione pastiglie e dischi freni

Periodicamente, dovremmo sostituire le pastiglie dei freni ed i dischi. Per farlo è sempre meglio rivolgersi a degli esperti del settore, come Autofficina Bassi srl.

Oltre a garantire la sicurezza alla guida, gli interventi di sostituzione permettono di migliorare le prestazioni dell’impianto frenante, eliminano vibrazioni o rumori e, inoltre, avremo la possibilità di passare eventuali revisioni senza avere grossi problemi.


Per capire se le pastiglie dei freni devono essere sostituite, poiché consumate, basterà usare il nostro udito: quando facciamo pressione sul pedale del freno, se sentiamo un suono acuto, significa che le pastiglie si sono consumate e vanno cambiate al più presto, altrimenti andranno a rovinare i dischi.


Si può capire se le pastiglie dei freni sono consumate anche in base al loro spessore: questo deve essere di almeno 4 mm. Se è minore, significa che è arrivato il momento di cambiarle. Infine, un altro indicatore può essere quello della spia dei freni. Se si accende, significa che c’è una problematica all’impianto frenante e dovremmo far controllare ai tecnici esperti nel più breve tempo possibile.


Quando cambiare le pastiglie e i dischi freni

Ma quando è opportuno, quindi, cambiare le pastiglie e i dischi dei freni? Le pastiglie dovrebbero essere cambiate ogni 10.000 o 20.000 km: prima di effettuare la sostituzione, possiamo controllare le pastiglie. Diverso è il caso dei dischi dei freni, che devono essere cambiati quando raggiungono lo spessore minimo e non devono avere usure irregolari, graffi, corrosioni o alterazioni nella colorazione. Dovranno, inoltre, essere cambiati circa ogni 80.000 km o ad ogni 2 cambi di pastiglie.


Hai bisogno di sostituire le pastiglie dei freni o dei dischi freni della tua vettura? Puoi contattare Autofficina Bassi srl. Ci occupiamo anche di riparazioni meccaniche, in particolare di freni, impianto sterzante, ammortizzatori, sospensioni e gruppo propulsore.




Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.

Spia del motore accesa: cosa fare in questi casi


Se la spia del motore è accesa, cosa è più opportuno fare? Vediamolo insieme ai professionisti di Autofficina Bassi srl.


Spia del motore accesa: di che si tratta


Nota anche come spia controllo avaria motore, la cosiddetta spia del motore si trova sul cruscotto e riproduce l’immagine di un propulsore. Appartiene alle spie gialle e si accende assieme a tutte le altre non appena mettiamo la vettura in moto, per poi spegnersi.

In alcuni casi, però, questa non si spegne: rimane fissa oppure lampeggia. In questo caso, è opportuno portare l’automobile in un’autofficina nel più breve tempo possibile, proprio perché c’è il rischio concreto di una problematica anche grave al motore.

È possibile, ad esempio, che vi siano dei malfunzionamenti nell’impianto di iniezione, oppure alcuni problemi nel sistema di alimentazione e/o accensione che provocano delle elevate emissioni allo scarico. Ancora, la causa dell’accensione della spia del motore può derivare da una possibile perdita di prestazioni, che comporta una cattiva guidabilità e consumi elevati.


In sporadici casi, può verificarsi che la spia resti accesa ma il motore vada bene: in questi casi, la problematica riguarda la valvola EGR. Si tratta di una valvola che ha la funzione di mettere in ricircolo i gas di scarico, per inviarli di nuovo al collettore di aspirazione.

Sulle auto diesel che percorrono pochi km, tale valvola EGR si sporca di più ed è possibile che la spia si accenda più frequentemente rispetto ad un'automobile non a diesel o che viaggia per molti km. Tale problema si può eliminare andando a sostituire la valvola EGR, tramite un'officina specializzata.


Cosa fare se si accende la spia del motore?


In tutti i casi, ogni volta che si accende la sopracitata spia del motore, è utile recarsi presso un’officina per una messa a punto della vettura.

Hai la spia del motore accesa e non sai come comportarti? Se ti trovi nella zona di Melzo, puoi venire a trovarci in officina. Autofficina Bassi srl si occupa, infatti, di riparazione e di manutenzioni sia di automobili che di veicoli commerciali. Siamo specializzati in diversi servizi, tra cui spiccano quelli meccanici e di elettrauto.

Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.

Spie della macchina: come leggerle e quali problemi indicano

Le spie della macchina indicano che qualcosa non va nella nostra vettura: come dobbiamo leggerle e quali problemi indicano?

Spie della macchina: come leggerle


Per andare a spiegare le spie della macchina, dobbiamo fare una precisazione. Queste si distinguono in più o meno pericolose: si possono riconoscere attraverso il loro colore. Le spie, infatti, si classificano in colore blu, verde, giallo e rosso. Le spie blu sono assolutamente le meno pericolose: possono indicare i fari abbaglianti accesi, oppure che il motore è ancora freddo. I motori elettrici, però, non presentano queste spie.


Anche le spie verdi non sono affatto pericolose, possono indicare l’attivazione di luci anabbaglianti, o di quelle di posizione, ma anche dei fendinebbia o di un segnalatore di direzione acceso (le comunissime frecce). Diverso è il caso delle spie gialle/arancioni, che possono aumentare il livello di allerta.

Sono segnali di pericolo, ma la cui urgenza non è imminente. Esempio classico è quello della spia della benzina: la sua accensione significa che il carburante sta per finire, ma avremo tutto il tempo di fare rifornimento. Altra spia è quella dell’anomalia del sistema antinquinamento, che si accende in caso di problemi al filtro antiparticolato ed è un classico delle auto a Diesel.


Spie rosse: potenziale pericolo

Discorso a parte meritano le spie di colore rosso, che evidenziano un potenziale pericolo imminente. Vediamo le più classiche.

La famosa spia rossa che raffigura la lampada ad olio si riferisce al livello di olio nel motore: se si accende, vuol dire che il suo livello non è sufficiente per la corretta lubrificazione del motore. Cosa fare? Controllare immediatamente e recarsi ad un’autofficina per risolvere la problematica.

Altra spia rossa pericolosa è quella della batteria, riconoscibile da un rettangolo con un + ed un -. L’accensione di questa spia significa che la batteria non si sta caricando correttamente e che ci potrebbe essere un guasto all’alternatore.

Autofficina Bassi srl può aiutarti se hai delle difficoltà ad interpretare le spie accese della tua macchina. Ci occupiamo di meccanica, ma anche di problematiche inerenti alle componenti elettriche dei veicoli. Effettuiamo anche ricambi di alta movimentazione, ricarica clima, manutenzioni e revisioni ministeriali. Contattaci per saperne di più.

Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.

Filtro antiparticolato auto: cos’è e a cosa serve

Che cos’è il filtro antiparticolato auto e a che cosa serve? Vediamolo insieme nel dettaglio in questo articolo.


Filtro antiparticolato auto: che cos’è?

Chiamato anche con l’acronimo di FAP o DPF, il filtro antiparticolato auto è un apparato di depurazione dei gas di scarico, che viene installato sulle vetture diesel, per garantire al meglio l’efficienza del motore e per ridurre le emissioni nocive. Presente fin dai modelli euro 4, è diventato obbligatorio con i modelli euro 5. Il suo compito è quello di ridurre le emissioni di polveri sottili o, appunto, di particolato, che provengono dalla combustione del gasolio e che sono molto inquinanti. Spesso, questi elementi, vengono anche chiamati con il nome di PM10, perché la loro dimensione è di circa 10 micrometri: sono tra i principali responsabili dello smog cittadino.


Questo filtro metallico viene installato nel collettore di scarico e funziona anche  con un additivo a base di cerina, che serve a catturare le micropolveri per evitare che queste finiscano nell’aria che respiriamo. E’ composto da carburo di silicio: al suo interno vi sono canali e piccole celle che hanno la funzione di trattenere gli agglomerati di particolato.


Filtro antiparticolato auto: quando va cambiato

E’ possibile che il filtro antiparticolato auto vada incontro ad usura, sia intasato oppure rotto. I problemi spesso insorgono quando si percorrono tragitti brevi, in cui il filtro non ha il tempo di raggiungere le alte temperature necessarie per attivare il suo regolare processo di rigenerazione.


In questo caso, si accende una spia arancione sul cruscotto: è possibile che a questa si accompagni un aumento dei consumi, un calo di prestazione della vettura o la perdita di potenza del motore. E’ possibile procedere alla manutenzione e alla pulizia del filtro antiparticolato dell'auto anche grazie all'aiuto di professionisti.


Autofficina Bassi srl può aiutarti se hai bisogno di sostituire il filtro antiparticolato auto oppure di pulirlo al meglio. Contattaci QUI per avere ulteriori informazioni.

Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.

Gommista Melzo: cambio gomme, controllo pressione e manutenzione


Hai bisogno di un gommista a Melzo? Rivolgiti a noi per il cambio gomme, controllo pressione e manutenzione generale degli pneumatici della tua auto.


Gommista a Melzo: contatta Autofficina Bassi


Autofficina Bassi srl può fare al tuo caso se hai bisogno di un gommista a Melzo o nelle zone limitrofe, capace di effettuare il cambio gomme, il controllo della pressione degli pneumatici e la manutenzione.

In un’automobile, gli pneumatici rivestono un ruolo davvero fondamentale e sono molto soggetti ad usura e segni del tempo, in quanto sono sempre esposti al manto stradale ed agli agenti esterni. Per garantire una guida sicura, è opportuno effettuare una buona manutenzione degli pneumatici e, se necessario, provvedere alla loro sostituzione.


Autofficina Bassi srl è specializzata in tutto questo, compresa la sostituzione degli pneumatici di stagione, come riporta la normativa. A questo proposito, ricordiamo che la legge italiana impone di usare le gomme da neve dal 15 novembre al 15 aprile.


Controllo pressione gomme: vieni dal gommista a Melzo


Recandoti presso la nostra officina potrai effettuare il controllo della pressione delle gomme. La corretta pressione delle gomme viene indicata in ogni veicolo dalla carta di circolazione. Ricordiamo, inoltre, che il controllo deve essere sempre effettuato a gomme fredde, poiché il calore può generare un leggero rialzo della pressione. In ogni caso, nelle automobili moderne, è presente un sensore di pressione, che indica la reale necessità di intervento. La pressione delle gomme anteriori deve essere superiore rispetto alle posteriori ed un livello ottimale va da 1.8 bar a 2.2 bar.


Siamo in grado anche di effettuare servizi di meccanica ed elettrauto su auto e veicoli commerciali multimarca. La nostra officina, inoltre, offre manutenzione dei veicoli e camper, nonché revisioni ministeriali e la ricarica dell'aria condizionata. Contattaci QUI e prendi un appuntamento, oppure telefonaci per avere informazioni.

Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.

Ammortizzatori auto, quando cambiarli

Gli ammortizzatori auto devono essere cambiati ogni tanto. Ma quando è opportuno farlo?


Ammortizzatori auto: ecco quando cambiarli

Non esiste una regola fissa sul quando è necessario cambiare gli ammortizzatori auto. Generalmente, si consiglia di farlo ogni 80.000 km circa o, comunque, almeno ogni 5 anni. In ogni caso, ogni volta in cui effettuiamo un tagliando o durante i cambi gomme, vale la pena di effettuare anche un piccolo controllo agli ammortizzatori, per vedere se sono integri o se c’è qualche perdita.


Il chilometraggio non è l’unico parametro da considerare nel cambiare gli ammortizzatori auto. Tutto dipende anche dal luogo in cui si vive: se siamo soliti circolare in un ambiente urbano, possiamo trovare spesso nel nostro tragitto buche o tombini: ecco perché in città devono essere cambiati più spesso rispetto alle zone rurali. Ancora, dobbiamo considerare anche lo stile di guida della persona: essere troppo aggressivi al volante può comportare un’usura molto più veloce, così come il guidare con un carico troppo alto.


Ammortizzatori auto: i segnali che ci indicano di cambiarli

Alla guida, alcuni segnali possono esserci di aiuto per farci capire quando è il caso di cambiare gli ammortizzatori dell'auto. Se il veicolo è particolarmente sensibile al vento laterale oppure se ha una distanza di frenata molto prolungata, potrebbe essere il caso di cambiarli. Ancora, se vi sono difficoltà a mantenere la traiettoria del veicolo nelle curve più ampie, oppure se troviamo segni di usura irregolare degli pneumatici. Infine, un particolare segnale può essere quello in cui si sentono dei particolari colpi dopo ogni passaggio su un rallentatore stradale: in questo caso specifico, potrebbero essere le calotte degli ammortizzatori che sono usurate e, quindi, da cambiare.


La sostituzione degli ammortizzatori auto non è affatto facile: pertanto, specialmente se non siamo particolarmente esperti, è meglio evitare il fai da te. Affidarsi a personale esperto e qualificato può essere una buona idea per non rovinare l’auto.

Hai bisogno di sostituire gli ammortizzatori auto? Puoi contattare Autofficina Bassi srl oppure recarti presso l’officina a Melzo (MI). Effettuiamo riparazioni e manutenzioni di automobili e di veicoli commerciali di tutti i tipi. Eseguiamo interventi di officina, elettrauto e gommista. Prestiamo, inoltre, servizio di revisione ministeriale e siamo partner delle maggiori società di leasing presenti sul territorio italiano.

Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.

Calo potenza motore diesel: quali sono le cause?


Quali possono essere le cause relative al calo di potenza di un motore diesel? Scoprilo grazie agli esperti di Autofficina Bassi srl.


Calo potenza motore diesel


Quando si verifica il calo di potenza del motore diesel, significa che qualcosa non va. Non è facile capire, però, la causa da cui dipende il malfunzionamento, proprio perché non c’è un’unica causa: ecco la motivazione per cui si dovrebbe ricorrere ad esperti del settore in questo caso ed evitare il fai da te.


Calo potenza motore diesel: le cause più comuni


Le cause più comuni riguardanti il calo di potenza di un motore diesel possono essere le seguenti. Come prima cosa dovremmo controllare gli iniettori e la loro manutenzione, così come la valvola EGR, utile per il ricircolo del gas di scarico. Se questa si intasa o, peggio, si rompe, il motore avrà un depotenziamento. Ancora, può essere utile andare a controllare la centralina, assolutamente necessaria per il funzionamento del veicolo: se è questa che non funziona, nessun componente può ricevere i comandi inviati. In tal caso, è utile un meccanico che dovrà rimappare la centralina o sostituirla.


Ulteriori cause di calo di potenza del motore


Altra causa possibile è quella legata ai filtri o alla pompa di benzina. Se questa è sporca, difettosa o ostruita vi possono essere problemi all’azione del motore. Quando è il motore a perdere potenza nell’accelerazione, è possibile che alla base ci sia un problema alla frizione: questa potrebbe essere mal regolata. In questo caso, la macchina procede con ritardo o addirittura non si muove.


Da considerare, in ultimo, anche le problematiche che possono essere legate alla cinghia di distribuzione. La cinghia garantisce il movimento dei vari organi meccanici, che avviene quando queste sono mosse da una puleggia all’estremità dell’albero motore.


Hai bisogno di un controllo sulla tua auto a causa del calo di potenza del motore diesel? Porta la tua auto da Autofficina Bassi srl. Ci occupiamo di meccanica ed elettrauto, batterie, filtri, ricarica clima, attrezzatura computerizzata, revisioni ministeriali, manutenzione di autoveicoli, veicoli commerciali e camper, montaggio ganci di traino e collaudo in motorizzazione.


Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.

Montaggio ganci traino: rivolgiti ai nostri professionisti

Stai cercando un'autofficina vicino a Milano per il montaggio del gancio di traino? Puoi rivolgerti ai professionisti di Autofficina Bassi srl.


Montaggio ganci traino

Il montaggio dei ganci traino prevede il rispetto di particolari normative, che sono state però cambiate e snellite rispetto alle precedenti procedure. Dal 2021, infatti, per l’installazione dei ganci di traino sui veicoli delle categorie internazionali M1 e N1 è sufficiente la compilazione di un’autodichiarazione da parte del responsabile dell’officina sulla conformità del prodotto installato e dell’intervento eseguito.

Il gancio traino per auto è un dispositivo che serve per rimorchi con massa a carico non superiore a 750 kg, o massa complessiva a pieno carico di motrice e rimorchio non oltre le 3.5 tonnellate. Non tutte le auto possono avere il gancio traino: informazioni su ciò si possono avere grazie alla carta di circolazione. Se la carta di circolazione non riporta nessun valore, vuol dire che l’auto non è omologata per il traino, cosa che accade spesso nell’ambito di auto con impianti a gas o auto elettriche.

Se l’auto è, invece, omologata, l’autofficina potrà procedere al montaggio. La procedura è piuttosto particolare e si articola come di seguito: i lavori, effettuati da un'autofficina o da una carrozzeria, devono avvenire in conformità alle istruzioni del manuale di installazione.
L'autofficina deve rilasciare anche la documentazione prevista dal decreto e fornire al possessore del veicolo ogni informazione utile per i successivi adempimenti, ai fini dell'aggiornamento della carta di circolazione. Deve anche tenere il registro previsto dal decreto e custodirlo in modo adeguato, comunicare ogni variazione intervenuta per la struttura organizzativa di officina e informare l’interessato che il veicolo oggetto di modifiche potrebbe essere soggetto a controlli da parte della Motorizzazione Civile.


Autofficina Bassi srl: rivolgiti a noi per il montaggio del gancio traino

Abbiamo visto come non sia possibile il montaggio del gancio traino da soli, ma dobbiamo affidarci a dei professionisti del settore. Puoi contattare, a tal proposito, Autofficina Bassi srl. Effettuiamo il servizio di revisione ministeriale e siamo specializzati in riparazioni e manutenzioni di automobili e di veicoli commerciali. Eseguiamo tutti gli interventi di officina, gommista ed elettrauto. Tra i servizi offerti ricordiamo anche quelli riguardanti diagnosi e la ricarica impianto clima.

Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.

Revisione auto 2022: la scadenza

Qual è la scadenza per la revisione auto 2022? Andiamo a conoscerla nel dettaglio attraverso questo articolo.


Revisione auto 2022

Lo scorso 30 aprile 2022 sono terminate tutte le proroghe che erano state stabilite nel 2020 e nel 2021 per ciò che concerne le revisioni auto. I termini per eseguire la revisione, dunque, sono tornati ad essere quelli ordinari. Cosa afferma la legge in merito?

La revisione è un provvedimento obbligatorio e serve ad accertare una piena efficienza della vettura. Dalla prima immatricolazione, devono passare 4 anni. Per le verifiche successive, invece, si passa a 2 anni. Facciamo un breve esempio: se la nostra revisione è stata effettuata nel novembre 2021 e non siamo di fronte ad una prima immatricolazione, dovremo aspettare fino al novembre 2023. Avremo tempo, in questo esempio, fino all’ultimo giorno del mese di novembre.


Revisione auto: in che consiste

Ma in che cosa consiste, nel dettaglio, la revisione dell’auto? Il meccanico effettua dei controllo sul funzionamento dell’impianto frenante, dei fari, dell'impianto elettrico, nonché delle condizioni della carrozzeria e degli pneumatici, fino al livello di emissioni di gas di scarico. A fine revisione, viene rilasciata un'etichetta adesiva che viene apposta sul libretto di circolazione: se il veicolo ha superato tutti i sopracitati controlli, sull’etichetta adesiva ci sarà scritto “regolare”. In caso contrario, viene registrato l’esito “ripetere”. Cosa significa? Che l’auto potrà circolare solo fino alla successiva revisione, da effettuare nella stessa officina entro 30 giorni. Infine, l’esito “sospeso”. Questo significa che l’auto in questione ha qualche problema e che potrà essere impiegata solo per recarsi presso un'officina che risolva la problematica e per tornare al Centro Revisioni.


Revisione scaduta: cosa comporta

Che cosa può succedere se abbiamo la revisione scaduta? Potremmo essere multati per un importo che va dai 169 euro ai 679 euro, oltre che poter subire la sospensione dalla circolazione del veicolo fino al sostenimento della revisione stessa, da intendersi con esito positivo. Se mancano più revisioni, la multa raddoppia. Hai bisogno di effettuare una revisione auto o vuoi informazioni? Contatta Autofficina Bassi srl cliccando qui.










Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.

Cerchi un elettrauto in zona Melzo? Affidati ad Autofficina Bassi

In zona Melzo, Autofficina Bassi srl effettua anche il servizio di elettrauto. Ecco come trovarci e come contattarci.


Elettrauto a Melzo: ecco dove trovarlo


Se hai bisogno di un elettrauto in zona Melzo (Milano), puoi facilmente trovarlo in Via Lodi, 21. Autofficina Bassi srl è un’impresa familiare presente nella zona dal 1954 ed è specializzata in riparazioni, manutenzioni di automobili e di veicoli commerciali. Siamo in grado di eseguire interventi di officina, gommista ed elettrauto.


Siamo in grado di effettuare servizi di revisioni ministeriali e siamo partner delle maggiori società di leasing presenti sul territorio italiano. Da noi potrai trovare estrema cortesia e grande disponibilità in ogni fase di lavoro. Ogni singola esigenza del cliente verrà prontamente ascoltata ed esaudita. Effettuiamo anche manutenzione di camper e ricarica dell’aria condizionata. Abbiamo un grandissimo inventario di ricambi, grazie al quale siamo in grado di assicurare un prodotto finito sicuro ed altamente performante.


Offriamo anche un completo servizio di gommista su veicolo di ogni marca. Eseguiamo manutenzione e riparazione delle gomme, provvedendo alla loro sostituzione nella stagione invernale ed estiva, secondo ciò che esprime la normativa attualmente in vigore.


Autofficina Bassi: elettrauto a Melzo


Autofficina Bassi srl è esperta in installazione, riparazione, sostituzione e manutenzione di componenti elettriche ed elettroniche dei veicoli. Ci occupiamo di tutto il sistema elettrico dell’automobile, tra cui il motorino di avviamento, la batteria, l’alternatore, i fusibili, i cavi ed i connettori, nonché di tutti i dispositivi che funzionano grazie all’energia elettrica (luci, climatizzatore e GPS). Le principali aree di intervento sono: riparazione di parti elettriche, installazione di nuovi apparecchi, interventi di manutenzione ordinaria.


Eseguiamo diagnosi computerizzate, per individuare l’origine di ogni guasto delle parti elettroniche ed elettriche di ogni veicolo, grazie all’uso di particolari strumenti che sanno leggere la memoria delle centraline che ne esaminano i malfunzionamenti.


Autofficina Bassi: come contattarci


Se pensi di avere bisogno di un elettrauto, puoi venire a trovarci presso la nostra officina a Melzo, oppure puoi contattarci telefonicamente o via email. CLICCA QUI per raggiungerci.

Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.

Sostituzione batteria auto: quando è il momento di cambiarla?

Quando dovremmo effettuare la sostituzione della batteria auto? Cerchiamo di saperne di più attraverso questo articolo.


Sostituzione batteria auto

La batteria della nostra auto ha una durata media che va da un minimo di quattro anni ad un massimo di cinque, ma questa frequenza può variare a seconda dell’utilizzo che si fa dell’automobile. Se, infatti, l’auto viene usata quotidianamente, la batteria potrà durare a lungo. Se, invece, l’auto viene usata in maniera saltuaria, è possibile che questa si scarichi più velocemente.

Ricordiamo, inoltre, di avere alcuni accorgimenti onde evitare di scaricare la batteria: tenere a lungo i fari accesi, così come dimenticare la radio accesa, sono abitudini sbagliate.


Batteria auto scarica: i segnali

La batteria dell’auto dovrebbe essere sostituita ogni tre o quattro anni circa. Se si vuole, comunque, evitare il cambio di batteria prematuro, possiamo controllare periodicamente lo stato di carica della vettura. Abbiamo bisogno, per questo, di un voltmetro: se il valore indicato è basso, sarà utile sostituire o ricaricare la batteria.


In ogni caso, spesso la batteria auto che si sta per scaricare manda qualche segnale. Ad esempio, spesso si nota una difficoltà del motorino di avviamento. In questo caso, può essere utile o ricaricare la batteria oppure andare a sostituirla. Ancora, in alcuni casi ci può essere debolezza dei fari, rumori simili a piccoli scoppiettii nella marmitta, oppure l’accensione della spia della batteria: sono tutti segnali che dovrebbero farci correre ai ripari per evitare di rimanere a piedi.


Sostituire la batteria può non essere facile, specialmente se non lo abbiamo mai fatto. Pertanto, può essere utile farlo fare da un professionista. Pensi di aver bisogno di un professionista per la sostituzione della batteria auto? Puoi contattare Autofficina Bassi srl CLICCANDO QUI. Ci occupiamo di riparazione di manutenzione di automobili e di veicoli commerciali. Prestiamo anche servizio di revisione ministeriale e siamo partner delle maggiori società di leasing presenti sul territorio italiano. Prestiamo servizio di gommista su veicoli multimarca, manutenzione e riparazione di gomme, oltre che provvedere alla loro sostituzione ai sensi della normativa vigente. Contattaci e richiedi un preventivo.

Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.

Pressione gomme auto: come calibrarla al meglio

Come dovrebbe essere la pressione gomme dell’auto? Chiedi consiglio ai nostri professionisti del settore.


Pressione gomme auto


La pressione gomme auto dovrebbe avere un valore che va dai 2.0 ai 3.0 bar per ciò che concerne le gomme estive, mentre per quelle invernali può essere necessario aumentare questo valore di 0.2 bar.

Ma perché la pressione delle gomme dell’automobile è così importante? In primo luogo, una corretta pressione aumenta la durata di uno pneumatico almeno fino al 20% in più rispetto ad una pressione errata, oltre a farci consumare molto meno carburante. Si stima, infatti, che le gomme che non hanno una corretta pressione, facciano aumentare il consumo di carburante di circa il 6%.


Come calibrare la pressione gomme auto


Se è vero che ormai, oggigiorno, molte persone riescono a calibrare la pressione delle gomme della propria auto da soli, è altrettanto vero come affidarsi ad un esperto del settore sia molto più sicuro. La prima cosa da fare è andare a controllare, appunto, la pressione delle gomme: prendere la tavola, togliere il tappo e mettere il misuratore sullo pneumatico in questione; quando il numero selezionato è raggiunto, ci sarà un bip. Da ricordare, inoltre, come sia necessario calibrare gli pneumatici quando sono freddi: farlo da caldi, infatti, può creare danni alla gomma stessa.


Gli pneumatici devono essere calibrati alla pressione che è raccomandata dal produttore. Questo valore si trova, in genere, nel manuale dell’automobile, ma anche sulla gomma stessa.


Una gomma con troppa pressione può provocare un'usura accelerata dei componenti dell’auto, così come il rischio di danni allo pneumatico, l’usura del battistrada, deformazione della gomma e minore aderenza su strada e comfort di guida. Una gomma con scarsa pressione, invece, può rendere i movimenti dello sterzo più difficili, può aumentare lo spazio di frenata su asfalto bagnato, può provocare una scarsa resistenza all’aquaplaning, provoca usura di cerchioni e bordi del battistrada ed è anche a rischio di esplosione.


Autofficina Bassi Srl può aiutarti nel calibrare la pressione gomme auto. Tra gli altri servizi, infatti, abbiamo anche quello di gommista su veicoli multimarca. Eseguiamo interventi di manutenzione e riparazione delle gomme, oltre a provvedere alla loro sostituzione ai sensi della normativa vigente. Contattaci per saperne di più.

Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.

Rendimento motore: come capirlo grazie alla nostra diagnosi computerizzata

Come si fa a capire qual è il rendimento del motore? Possiamo farlo grazie ad una diagnosi computerizzata.


Rendimento motore: come capirlo


Per capire bene qual è il rendimento di un motore, è necessario effettuare una diagnosi computerizzata. Autofficina Bassi possiede tutta la strumentazione per farlo al meglio. La diagnosi computerizzata permette di individuare determinati problemi nella gestione dell’iniezione del carburante, ma anche di testare il corretto funzionamento di tutti i sensori che sono presenti nell’auto. Ancora, serve a controllare le statistiche sull’efficienza del veicolo, fino alla possibilità di stabilire se è utile effettuare una rimappatura completa della centralina, qualora questa non dovesse più funzionare secondo i parametri di fabbrica. Per stabilire con certezza l’origine e l’entità di una problematica, è utile quindi la diagnosi computerizzata.


Diagnosi computerizzata: a che cosa serve


Attraverso la diagnosi computerizzata si vanno a controllare tutte le centraline che analizzano i guasti di un'autovettura. In particolare, la centralina si occupa di controllare diverse funzioni tra cui la pressione atmosferica, la pressione dell'aria, la temperatura del motore, la velocità del veicolo, la pompa di iniezione ed il numero di giri del motore.

Ma quanto costa affidarsi ad un’autofficina per effettuare la diagnosi computerizzata e capire qual è il rendimento motore? Ogni diagnosi varia a seconda del marchio e del modello della vettura in questione. Per qualsiasi tipo di problema al motore, suggeriamo sempre di rivolgersi a degli esperti del settore che siano in grado di usare le attrezzature necessarie.


Hai bisogno di esperti per una diagnosi computerizzata al fine di capire il rendimento del motore? Contatta Autofficina Bassi. Ci occupiamo di meccanica, di problematiche inerenti alle gomme e siamo anche elettrauto. Le competenze del nostro team, assieme alle attrezzature innovative che sono presenti in sede, contribuiscono alla fornitura al cliente di un servizio affidabile e di prima qualità. L'offerta dell'officina comprende la manutenzione dei veicoli e dei camper, nonché le revisioni ministeriali e la ricarica dell'aria condizionata. Grazie all'ampio inventario di ricambi, la nostra officina è in grado di assicurare un prodotto finito sicuro ed altamente performante.

Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.

Revisione auto a Milano: quando farla


Hai bisogno di una revisione auto in provincia di Milano? Contatta Autofficina Bassi Srl presso il sito internet e richiedi informazioni.


Revisione auto in provincia di Milano


La revisione auto ha delle scadenze differenti. Se avete acquistato un’auto nuova presso un concessionario sarete obbligati ad effettuare la revisione dopo 4 anni dalla prima immatricolazione. Successivamente a tale periodo, si effettuerà la revisione ad intervalli di due anni. Se, invece, si acquista una vettura usata, la revisione deve essere fatta sempre ogni due anni. Tutto ciò è valido per i veicoli classici: le revisioni delle auto d’epoca, oppure di interesse storico, hanno delle scadenze differenti. Vanno, infatti, effettuate con scadenza biennale, entro il mese di rilascio della carta di circolazione.


Revisione auto: cosa viene controllato?


Nell’ambito della revisione auto, vengono fatti numerosi test. In primo luogo si controlla l’impianto frenante e le sospensioni. Viene, inoltre, controllato il freno a mano, il cui stato meccanico deve essere efficiente. Ancora, si controlla la fluidità dello sterzo con dei movimenti e controllate anche tutte le tiranterie e gli snodi, fino ad arrivare ai cuscinetti delle ruote. Durante la revisione, anche i cristalli vengono controllati: essi devono essere conformi alle leggi attualmente in vigore: non devono avere incrinature e non devono presentare pellicole scure non omologate.


Viene inoltre controllato tutto l'impianto elettrico e tutti i dispositivi d'illuminazione esterna. Vengono controllati gli assi, le ruote e lo stato dei pneumatici. In particolare, gli pneumatici devono avere caratteristiche indicate dalla carta di circolazione. Se presente, viene effettuato anche un controllo dell'impianto di alimentazione a metano, oppure a GPL. Si ricorda, infatti, che per questi componenti sono previste delle scadenze di revisione che sono quinquennali, quadriennali o decennali a seconda del tipo di dispositivo.


Autofficina Bassi Srl: dove fare revisione auto in provincia di Milano


Se hai bisogno di fare una revisione auto oppure moto a Milano, puoi contattare Autofficina Bassi Srl. Ci trovi a Melzo, a pochi km dal centro di Milano, in via Lodi 21. Ci occupiamo con professionalità e competenza di servizi di meccanica ed elettrauto su automobili e veicoli commerciali di ogni marca. Effettuiamo, inoltre, presso la nostra officina, la manutenzione dei veicoli e dei camper, nonché la ricarica dell'aria condizionata su ogni veicolo.



Revisione auto a Milano: quando farla

Ricarica clima auto: quando e dove farla

La nostra auto può avere bisogno di una ricarica clima: quando e dove la possiamo effettuare?


Ricarica clima auto

Il climatizzatore auto è un impianto che funziona con un serbatoio che contiene del gas refrigerante. L’aria calda proveniente dall’esterno cede calore al gas refrigerante e si abbassa di temperatura e di umidità. In tal modo si va a rinfrescare in poco tempo l’abitacolo.

E’ possibile che il climatizzatore della nostra auto possa perdere efficienza. In questo caso, è necessaria la ricarica clima auto. E’ possibile che ciò serva dopo molto tempo che si usa l’autovettura: generalmente ci vogliono 3-4 anni, a volte addirittura anche più tempo prima che il gas refrigerante perda la sua funzione. Questo dipende dallo stato di salute dell’impianto di condizionamento, dalle tubature e dai raccordi che si possono allentare. Ciò è più frequente se siamo soliti percorrere molte strade sconnesse, con tante vibrazioni.


Almeno una volta all’anno, può essere utile far controllare l’impianto di condizionamento dell’auto, per capire se c’è una carenza di gas refrigerante e per capire se essa è fisiologica oppure è dovuta a falle nell’impianto.


Come capire se è necessario ricaricare il clima auto

Ma come possiamo capire facilmente se è necessario ricaricare il clima auto? Se il condizionatore si accende, ma l’aria che esce è poco fresca, oppure addirittura esce a temperatura ambiente, può essere giunto il momento della ricarica. In poche parole, se il condizionatore dell'auto non raffredda più, è possibile che sia necessario effettuare la ricarica.


Dove fare la ricarica clima auto

Per effettuare la ricarica clima auto, meglio affidarsi a dei professionisti. Generalmente, ricaricare l’aria condizionata può costare dagli 80 ai 100 euro, cifra che può aumentare se vi sono perdite nel circuito, filtro dell’abitacolo intasato o compressore guasto.

E’ pur vero che su internet troviamo tantissimi kit di ricarica aria condizionata fai da te, ma ricordiamo che l’unico in possesso degli strumenti necessari per valutare se l’impianto ha perdite di gas refrigerante consistenti è sempre un professionista del settore. Autofficina Bassi Srl può aiutarti se hai bisogno di una ricarica clima auto e non solo. La nostra autofficina in provincia di Milano, a Melzo, è specializzata in riparazioni e in manutenzioni di automobili e di veicoli commerciali.


Contattaci qui per prendere un appuntamento

Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.

Gomme auto estive: come si differenziano dalle altre?

Le gomme auto estive sono differenti dalle invernali oppure dalle Four Seasons. Che differenze ci sono tra questi pneumatici?


Gomme auto estive: quando usarle

Le gomme auto estive si usano quando c’è bella stagione, ma possono essere utilizzate in ogni stagione, proprio perché non hanno problemi di aderenza. C’è da dire, però, che le basse temperature possono portare la mescola ad indurirsi, causando una diminuzione della tenuta su strada, che si traduce in una minore sicurezza. Per evitare questo problema, nelle zone in cui gli inverni sono molto rigidi, è utile sostituire gli pneumatici estivi con quelli invernali. Per sapere quali dobbiamo montare sulla propria vettura, dobbiamo leggere quanto è riportato sul libretto di circolazione.

Dotate di meno scanalature rispetto alla versione invernale, hanno un battistrada tassellato che riduce al minimo la possibilità di aquaplaning. Questo permette una grande aderenza su fondi asciutti, ma anche su fondi bagnati.


Differenze con gli pneumatici invernali


Differentemente, gli pneumatici invernali hanno una mescola specifica che è perfetta in caso di basse temperature. E’, inoltre, diverso il battistrada, che presenta dei tasselli più alti e delle lamelle che permettono di viaggiare in sicurezza anche in strade ghiacciate. Anche in questo caso, per sapere quali si possono montare sulla propria auto è necessario leggere la carta di circolazione: generalmente, questi riportano la marchiatura M+S. Il Codice della Strada prevede la possibilità di montare questo tipo di pneumatici, a condizione che si rispettino i codici stabiliti.


Gomme Four Seasons: cosa sono


Ancora differenti dalle gomme auto estive e da quelle invernali sono le gomme Four Seasons o Quattro stagioni. Sono un compromesso tra le due categorie e sono consigliate per coloro che percorrono pochi km all’anno. Sono dotate di una mescola estiva, alla quale viene abbinato un disegno del battistrada invernale, oppure viceversa. Anche il tal caso viene usata la marchiatura M+S, oppure M&S.

Autofficina Bassi Srl mette a disposizione un servizio completo di gommista su veicoli multimarca. Effettua anche interventi di manutenzione e riparazione delle gomme, oltre  a provvedere alla loro sostituzione nella stagione estiva ed invernale. Contattaci cliccando qui.

Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.


Manutenzione ordinaria auto: quali interventi comprende?


Quali sono gli interventi di manutenzione ordinaria auto da prendere in considerazione? Come vengono fatti? Scopriamolo assieme in questo articolo.


La manutenzione ordinaria dell’auto



Gli interventi di manutenzione ordinaria dell’auto sono differenti rispetto a quelli straordinari. Quando si parla dei primi si fa riferimento a tutte quelle operazioni che vengono eseguite quando si effettua il cosiddetto “tagliando”. Si tratta di una serie di controlli previsti dalla casa costruttrice, che possono avere una scadenza fissa oppure variabile. Pensiamo, ad esempio, al controllo dei vari liquidi in base al chilometraggio percorso (liquido refrigerante, olio del motore, olio del cambio), ma anche dei vari filtri, oltre al controllo degli pneumatici e di tutti i vari organi elettronici e meccanici. Ricordiamo, infatti, che soltanto una regolare manutenzione permette alla nostra auto di essere efficiente nel corso del tempo.



I vari controlli da effettuare



Molto importante è il controllo dell’olio del motore. Questo serve per lubrificare i componenti interni del veicolo. La mancanza di olio oppure la mancata sostituzione dello stesso potrebbe, infatti, provocare gravi danni al motore, sia nell'immediato che nel lungo termine. Ecco la motivazione per cui una corretta manutenzione ordinaria deve sempre partire dal controllo dell’olio.



Fondamentale è anche il controllo dei freni, andando a verificare il livello di usura delle pastiglie e dei dischi dei freni, controllando anche il liquido nell’impianto.



Altrettanto importanti sono i filtri dell’auto, che devono essere rigorosamente controllati e sostituiti. Un filtro dell’aria non efficiente, infatti, riduce il flusso di aria che alimenta il motore, con riduzione della prestazione e l’aumento dei consumi. Inoltre, filtri d’aria sporchi non fanno certo bene alla salute dei nostri polmoni!



Utile è anche controllare l’efficienza e il funzionamento della batteria della nostra auto. Una batteria che funziona male, infatti, potrebbe creare dei problemi di accensione con i primi freddi oppure con i primi caldi, lasciandoci a piedi. La verifica dell’efficienza della batteria deve essere fatta attraverso un apposito tester. Autofficina Bassi Srl si occupa di interventi di manutenzione ordinaria auto, ma anche di interventi di manutenzione straordinaria. Contattaci qui per avere informazioni o per fissare un appuntamento.




Figura illustrativa Autofficina Bassi S.r.l.

Decarbonizzazione motore, cos'è e quando va fatta

La decarbonizzazione del motore è un processo atto a rimuovere i depositi carboniosi dal motore spesso. I depositi, altrimenti, finirebbero per sporcare tutti i componenti. L’Autofficina Bassi Srl vi darà informazioni in merito.

Iniezione di idrogeno

Una soluzione è la rigenerazione del motore tramite iniezione ad idrogeno. Questa viene prodotta dal miglioramento naturale dell’arricchimento della miscela aria/combustibile del motore a combustione. Si tratta di un’efficace soluzione, proposta dall’Autofficina Bassi Srl, non è per niente aggressiva, in quanto non ha bisogno di prodotti chimici o corrosivi. I depositi, in questo caso, vengono disciolti nel motore ed evacuati con i gas di scarico, in modo naturale.

Hy-carbon Connect

Hy- Carbon Connect è un ‘innovazione tecnologica che offre nuove funzionalità che permettono un servizio personalizzato e molto efficiente.  Si tratta di un aiuto per risolvere il problema delle incrostazioni dei motori. La macchina è in grado di diagnosticare la condizione del motore e provvedere al processo di decarbonizzazione iniettando idrogeno. In questo modo si riducono i rischi di guasto, l’inquinamento e il consumo di carburante. Riduce, infatti, il consumo di carburante fino al 15% e le sostanze inquinanti rilasciate al 50%.

Prestazioni originali

I vantaggi nell’eseguire questo processo di pulizia sono diversi. Innanzitutto, vengono ristabilite le prestazioni originali dell’auto: il motore torna ad essere più sano e gli errori segnalati vengono corretti. In questo modo potrete guadagnare qualche cavallo. Ritroverete una guida più fluida, un motore meno lento in salita è più reattivo durante i sorpassi.

Revisioni

Il secondo vantaggio è quello di riuscire a superare più facilmente le revisioni, poiché il veicolo trattato riduce, come detto, le emissioni del 50%. Il processo elimina, infatti, il fumo nero ed è attuabile sia sui motori a Diesel sia su quelli a Benzina.

Guasti costosi

Il terzo vantaggio è quello di evitare i guasti costosi: la maggior parte dei guasti sono dovuti alle incrostazioni. Le norme anti-inquinamento e i limiti di velocità incidono in modo negativo sulla creazione di depositi. Co la de decarbonizzazione si evitano guasti abbastanza onerosi come quello alla valvola EGR, alla pompa di iniezione o al turbo compressore.

L’ Autofficina Bassi Srl vi aspetta per effettuare la decarbonizzazione della vostra auto e farvi così risparmiare sul lungo periodo.

Decarbonizzazione motore, cos'è e quando va fatta
Via Lodi, 21
20066 - Melzo - Milano
Contatta
Autofficina Bassi S.r.l.
informativa